Se ti sei divertito, dillo a tutti!
Pinterest
RSS
Facebook
Google+
Twitter

Ormai è già tutto un fiorire del Carnevale ovunque ti giri.

Vedo sui social media postate foto di aule addobbate con pagliacci e mascherine.

Anche Aurora durante la ricreazione colora maschere di carta con i suoi amici.

Ormai il Carnevale è davvero nell’aria e ogni paese “sfoggia” il suo modo di far vivere le maschere.

Carnevali insoliti in Toscana (anzi in provincia di Arezzo)

Ho scoperto da poco che anche il paese dove lavoro, Bibbiena (10,000 anime nella vallata toscana del Casentino) celebra un Carnevale Storico in abiti rinascimentali, l’evento culmina con il martedì grasso con LO BELLO POMO, cioè un enorme falò nel centro storico del paese.

Un altro carnevale insolito è il Carnevale dei figli di Bocco, a Castiglion Fibocchi , un piccolo borgo sempre in provincia di Arezzo, dove sfilano maschere molto ricche in “stile veneziano”. I cortei si dividono tra il centro storico e le passeggiate su PONTE BURIANO ( il mitico ponte che fa da sfondo al dipinto della Gioconda di Leonardo).

Devo assolutamente parlare del Carnevale di Foiano della Chiana (mio paese natale), dove si possono ammirare i capolavori dei maestri cartapestai.

I carri in carta pesta sono enormi e si districano in modo incredibile tra i vicoli del borgo di Foiano. Le mascherate animano i carri con coreografie e trucchi spettacolari.

Foiano è annoverato tra i carnevali più antichi d’Italia e non mancherà di regalarvi emozioni davvero mozzafiato.

Impossibile nominare tutti i carnevali più piccoli che animano la provincia.

Ma torniamo al nostro pagliaccio

Qual è la cosa che più di tutto rappresenta il Carnevale?

Secondo me il pagliaccio . Tutti ci siamo vestiti almeno una volta da clown, a qualsiasi età. Io ad esempio mi sono vestita da clown a 14 anni: era un pagliaccio insolito, mia mamma lo aveva cucito in modo che un lato rappresentasse il sole e l’altro la notte.

Me lo ricordo ancora, avevo un’enorme parrucca arancione e oro.

Vuoi realizzare un clown – marionetta con me?

Ti dico subito cosa serve:

  • stoffa colorata 30×40 cm circa ( dovrai metterla “in doppio per tagliarla)
  • lana colorata (qualche avanzo)
  • stecco di legno (io ho usato quello degli spiedini perché è lungo circa 40 cm)
  • vasetto di yogurt da 500 gr
  • per la faccia: metà dell’ovetto di plastica dell’ovino Kinder ( se preferisci puoi usare metà di una pallina di polistirolo o mezza sfera di legno)
  • piccoli pezzi di feltro (per mani e piedi)
  • colla a caldo
  • pennarelli ( per disegnare la faccia)
  • un mini pom pon rosso

Come realizzare il pagliaccio passo passo

Il mio clown è abbastanza grande, è “alto” circa 20 cm quindi ho dovuto usare un vasetto dello yogurt da 500 gr, altrimenti non sarebbe entrato dentro al barattolo, ma tu puoi fare anche un pagliaccio più piccolo.

Ho creato in cartamodello a mano libera con un foglio di carta. Ho messo il foglio in doppio e ho ritagliato una sorta di “C” , dopo aver riaperto il foglio ho ottenuto una forma che somiglia ad una farfalla (foto qui sotto).

Questo ti servirà per ritagliare il vestito del tuo pagliaccio.

clown pop up

Dopo aver tagliato il vestito, metti la stoffa dritto contro dritto, se sei pratica potrai cucire il tuo pagliaccio, altrimenti basterà usare un po’ di colla a caldo.

Ricordati prima di cucire il vestito di mettere al loro posto le mani e i piedi del clown .

 

clown pop up

 

Inseriscili all’interno del vestito e cucili/incollali (foto qui sotto) 

clown pop up

Adesso gira dal dritto il pagliaccio dal foro che avrai lasciato nei pantaloni, vedrai spuntare mani e piedi.

clown pop up

Preparare la testa e il viso del pagliaccio

La cosa che più caratterizza un pagliaccio è la sua capigliatura.

Io ho pensato di creare un pom pon multicolore usando dei fili diversi. Ho semplicemente arrotolato i fili simultaneamente alle mie due dita (questa era la misura giusta per il clown), poi ho legato in maniera stretta il mio gomitolo al centro (tra le due dita) ed ho tagliato i fili.

La “parrucca” è bella disordinata, ed io l’ho lasciata così com’è venuta.

In un primo momento volevo usare una sfera di legno per fare la faccia, ma non ne avevo una della giusta misura, quindi ho optato per il “lato piccolo” dell’ovetto di plastica dell’uovo di cioccolato kinder ( chi non ne ha qualcuno in casa?).

Ho fatto un foro nella parte inferiore della plastica e ci ho incollato il bastoncino di legno, quindi ho aggiunto la parrucca di lana , il naso rosso e ho disegnato una bella bocca sorridente.

La testa sul suo bastoncino è pronta, adesso devi infilargli il “vestito” che avevi creato per lui.

 

pom pon

clown pop up

 

Montare le parti del pagliaccio

Adesso hai il tuo pagliaccio montato sullo stecco di legno. Prendi il vasetto di yogurt e foralo alla base. Inserisci il bastoncino con il clown nel foro e assicurati che scorra bene su e giù.

 

 

clown pop up

Se il barattolo del tuo yogurt ha il coperchio, puoi anche chiudere dentro il tuo clown e portarlo dove vuoi tu.

 

clown pop up

Sono felice di aver creato questo clown perché sono riuscita a stupire mia figlia. Lei ci ha subito giocato e lo ha mostrato ai suoi amici…e se si rompe , poco importa: si inizia di nuovo a creare!

Ilenia

 

Se ti sei divertito, dillo a tutti!
Pinterest
RSS
Facebook
Google+
Twitter